Consuma meno sale!

 Ipertensione, disfunzioni renali, patologie cardio-cerebrovascolari, tumori gastrici ma anche la banale ritenzione idrica accompagnata da gonfiore, ecco cosa può causare un eccesso di sale nella tua alimentazione.

È partita in tutto il mondo l’iniziativa per la riduzione del sale promossa dal WASH (World Action on Salt & Health)

Questa iniziativa nasce per sensibilizzare i consumatori sulla diffusa presenza di sale nascosto, consumato in grandi quantità fin dall’infanzia e sui danni causati dall’abuso.

Negli ultimi anni il Ministero della Salute ha sostenuto alcuni progetti che hanno consentito la raccolta di informazioni sulle abitudini degli italiani di ogni età riguardo il consumo di sale.

Dai dati raccolti emerge che siamo ancora molto lontani dal raggiungere l’obiettivo di un consumo individuale di sale non superiore a 5 grammi al giorno, come proposto dall’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità).

Dai dati ricavati dai progetti promossi dal Ministero della Salute con il Centro nazionale per la prevenzione e il controllo delle malattie, emerge che In Italia il sale consumato quotidianamente da un uomo adulto è di 11 grammi mentre quello assunto da una donna adulta è di 9 grammi, nettamente superiore ai 5 grammi raccomandati dall’OMS.

QUALI ALIMENTI DEVI CONTROLLARE PER EVITARE UN CONSUMO ECCESSIVO DI SALE?
Per aiutarti ti allego una breve lista con indicata la quantità di sale che trovi in 100 grammi di alimento

-pane al latte, contiene circa 1,25 grammi di sale
-pane di grano duro, contiene circa 1,7 grammi di sale
-pizza pomodoro e mozzarella, contiene circa 2,5 grammi di sale
-bresaola della Valtellina, contiene circa 4,0 grammi di sale
-prosciutto crudo, contiene da 5,0 a 6,9 grammi di sale

Se agli alimenti appena elencati sommi il sale assunto con l’acqua di cottura della pasta e del riso, se ci sommi il sale che utilizzi per condire i sughi piuttosto che le insalate, se ci sommi anche il sale contenuto nei dadi di cucina arrivi rapidamente a raggiungere i 9 – 11 grammi di sale giornaliero!

Adesso sei conscio di dove trovi il sale ed a quali patologie può portare un suo eccessivo consumo, se ci tieni al tuo benessere potresti anche decidere in autonomia di ridurre il tuo introito giornaliero!
Buona nutrizione a tutti!
Edoardo

Aggiungi commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *