Alimentazione anti inquinamento

ALIMENTAZIONE ANTI INQUINAMENTO

 Nel comune di Venezia, dall’inizio del 2017,  sono stati superati i livelli massimi di polveri sottili per circa 27-30 volte, a seconda di dove era posizionata la centralina di rilevazione.

 Il limite di sforamenti dei livelli massimi delle polveri sottili, per legge, è di 35 all’anno!

 L’ambiente in cui viviamo è particolarmente importante per la nostra salute.

 Ma purtroppo nelle città tutti noi siamo esposti a miscele di agenti fisici e chimici potenzialmente dannosi per la salute.

 Questo a causa delle elevate concentrazioni di inquinanti atmosferici emessi in prevalenza da:

  • traffico auto veicolare
  • riscaldamento domestico
  • insediamenti industriali

 I principali componenti degli inquinanti atmosferici sono le particelle sospese o “polveri sottili”

 I risultati di studi tossicologici hanno dimostrato che le polveri sottili sono capaci di produrre danni al DNA e stimolare la produzione di sostanze che favoriscono i processi infiammatori associati con possibili problemi cardiovascolari come l’infarto del miocardio e aritmie cardiache.

I risultati degli studi tossicologici hanno dimostrato anche che le polveri sottili del traffico auto veicolare hanno una più alta capacità di produrre radicali liberi.

La produzione di radicali liberi causa danni alle membrane, ricche in grassi, delle nostre cellule, alle proteine e al DNA.

ALIMENTI ANTI INQUINAMENTO

Visto che con l’inquinamento dobbiamo convivere ecco che puoi farti aiutare dagli alimenti!

Come mai? Perché alcuni alimenti sono ricchi di sostanze antiossidanti come i polifenoli.

Questi composti sono presenti in frutta e verdura e contribuiscono alle funzioni antiossidanti in quantità maggiore rispetto alla vitamina C.

Tra gli alimenti particolarmente ricchi in polifenoli troviamo:

  • frutti di bosco
  • agrumi
  • ciliegie
  • aglio
  • cipolla
  • radicchio
  • cavoli
  • broccoli
  • pomodoro
  • altri alimenti come: tè verde, cacao, cioccolato fondente, olio extravergine di oliva, polline

 Ma i polifenoli presenti negli alimenti, che ti ho appena elencato, saranno molto variabili!

 Le principali cause di questa variabilità?

  • le tecniche colturali
  • il grado di maturazione
  • il tempo intercorso tra raccolta e consumo
  • il grado di cottura dell’alimento stesso

Come  scegliere allora la migliore frutta e verdura per aiutarti a contrastare l’inquinamento?

Ecco alcuni suggerimenti:

  • sceglila proveniente da coltivazione biologica o almeno da agricoltura integrata
  • acquista frutta e verdura stagionale, così avrai la certezza che abbia raggiunto la giusta maturazione
  • non affidarti a frutta e verdura che arrivano dall’estero
  • non utilizzare metodi di cottura aggressivi, come la pentola a pressione, utilizza una cottura la vapore per preservare la massimo i preziosi polifenoli

 Probabilmente trovare la cioccolata tra gli alimenti che contengono antiossidanti sarà stata una sorpresa!

 In questo caso si tratta delle fave di cacao oppure di cioccolata fondente lavorata a 42°C.

 COSA SUGGERISCE L’ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITA’

Giusto per sottolineare che non sono io che voglio convincerti sull’utilità del consumo giornaliero di frutta e verdura, ti riporto cosa dice l’ OMS:

“consuma 5 porzioni giornaliere di frutta e verdura in quanto apportano sostanze antiossidanti per la prevenzione delle patologie croniche cardiovascolari e tumorali”

Buona nutrizione a tutti!

Edoardo    

Aggiungi commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *